Ghislanzoni aveva vinto tutto, dalla Settimana dei Tre Golfi alla Middle Sea Race, ma la regata di casa, il Trofeo Pirelli, gli era sempre sfuggita

di Eugenio Ruocco

trofeo pirelli ghislanzoni
IL TEAM CHESTRESS In alto da sinistra Alberto Busà, Daniele Raddavero, Giancarlo Ghislanzoni, Roberto Di Salle, Maria Ghislanzoni, Lorenzo Casalini, Marcello Pasini. In basso Franco Gardella, Giulia Ravaioni, Cristoforo Gollero, Giuseppe Lavaggi.

Il netto calo di presenze al Trofeo Pirelli di Santa Margherita Ligure (107 barche al via: 32 in meno rispetto al 2009) è stato compensato dall’aumento di adrenalina in mare. In primis, perché quest’anno il Golfo del Tigullio si è rivelato un campo di regata ideale: quando mai la Coppa Carlo Negri si è conclusa con sei prove disputate? Poi, per lo sciroccone, vento divertente per molti equipaggi, traditore per altri. Soprattutto se, mure a sinistra all’incrocio, ti si blocca la scotta della randa e non riesci a poggiare per evitare l’altra barca.

L’incidente al team di La Marachella

Questo è successo al team di La Marachella, Farr 40 del genovese Matteo Burello. Poco prima della boa di bolina, ha centrato il Grand Soleil 50 Hole In One di Marco Poggi, causandogli ingenti danni alla falchetta sinistra. Tuttavia, è stato il Farr 40, costruito in carbonio, ad avere la peggio. L’onda ha fatto sì che l’impatto avvenisse quando la prua di La Marachella era su una cresta, così Burello e company si sono trovati con l’opera viva squarciata. Inutili i tentativi di arginare l’acqua: giù la randa, motore, pompa di esaurimento, tamponare il buco con vele e sacche. Appena il livello d’acqua a bordo ha raggiunto l’entrobordo, La Marachella (nomen omen) ha iniziato a inabissarsi, adagiandosi a 38 metri di profondità, davanti al porticciolo di Santa Margherita. Tutti illesi, grazie alla Guardia Costiera e all’assistenza delle regate.

trofeo pirelli ghislanzoni
Il J 133 Chestress dell’armatore di Genova Giancarlo Ghislanzoni, 50 anni, che ha vinto a Santa Margherita Ligure la Coppa Carlo Negri- Trofeo Pirelli

 Il risultato della regata: Ghislanzoni vince il Trofeo Pirelli

Nel gruppo IMA vince facile Alegre, il Mills 68 di Andres Soriano, in ORC B trionfa l’X-382 Brancaleone di Ciro Casanova. Grande prestazione in IRC A di Giancarlo Ghislanzoni con il suo J 133 Chestress II: sua per un anno la Coppa Negri, avendo vinto nella classe più numerosa. Genovese, dirigente d’azienda, Giancarlo è un cinquantenne drogato di vela. La sua Chestress ha vinto due volte la Settimana dei Tre Golfi, ma l’exploit è targato 2008, con il primo posto in IRC alla Middle Sea. E ora il Pirelli, ciliegina sulla torta.

Il commento di Giancarlo Ghislanzoni

“Non me l’aspettavo. Questa regata per è sempre stata stregata: non ero mai riuscito a vincerla. Il mio segreto? Ne ho tanti: la passione, un equipaggio non professionista, ma affiatato e competente, un buon rating e, soprattutto, un maniacale controllo di ogni manovra a bordo. Siamo un po’ tutti ingegneri su Chestress. Controlliamo ogni cima e bozzello mille volte. Se funziona tutto alla perfezione, puoi concentrarti tout court sulla tattica”.