Un gamma di display per tutti i dati di navigazione: ecco i migliori modelli di monitor, selezionati per la tua barca dalla nostra redazione

A CURA DI ALBERTO COSSU

Se avete tanto spazio e volete sfruttarlo al meglio, o se ne avete poco e volete ottimizzarlo, ecco dalla Furuno due nuovi monitor remoti, l’MU 150 e il 190 HD, che permettono di visualizzare tutti i dati provenienti dagli strumenti di navigazione di bordo, dal chartplotter all’autopilota, radar ecc. Ovviamente il display è ad alta definizione con una luminosità di alta qualità (fino a 1000 cd/m) e con l’angolo di visualizzazione che arriva fino 85 gradi sia nel senso destra/sinistra sia in quello alto/basso. I due monitor, da 15 e 19 pollici prevedono uno scaler integrato per ottimizzare le schermate, fino a una risoluzione SXGA (1280 x 1024 pixel). Oltre agli strumenti di navigazione ai monitor della Furuno si possono collegare anche numerosi accessori, tra cui videocamere e tv, grazie agli input RGB, DVI-D e NT- SC/PAL.

Arimar, tel. 0544 964211, www.arimar.com

I nuovi monitor remoti della Furuno. Permettono di avere ogni dato su un unico display.

L’Ais “rivoluzionario”

Garmin presenta un nuovo modulo AIS compatto, ricevente il segnale in classe Ae B. L’AIS300 si installa a bordo utilizzando la stessa antenna della radio Vhf della barca e visualizza i bersagli intercettati rappresentandoli sul plotter e indicando, oltre alla loro posizione, anche le dimensioni, la velocità e la rotta, dando costantemente tutti i parametri per valutare se si è sulla via della collisione o meno. In caso di pericolo emette un allarme acustico. Il modulo AIS può esser collegato con NMEA 0183 e 2000. www.garmin.it

In basso, il cuore del sistema AIS300 di Garmin. Si collega al chartplotter e utilizza la stessa antenna del vhf di bordo.